Disturbi dell’apprendimento e università, un incontro possibile

0
1

SASSARI. Si è conclusa con risultati decisamente positivi la prima azione di orientamento e formazione sui disturbi specifici dell’apprendimento in contesto universitario, fortemente voluta dal Dipartimento di Agraria dell’Università di Sassari.

Articolato in più fasi, tra marzo e giugno 2017, il progetto di sensibilizzazione, orientamento e screening degli studenti di I e II anno –realizzato assieme a una cooperativa sociale- ha previsto anche un’azione specifica di formazione del corpo docente, con il supporto del professor Stefano Sotgiu, coordinatore dello sportello di Ateneo per i disturbi specifici dell’apprendimento.

L’incontro dedicato agli studenti ha coinvolto 64 ragazzi del I e II anno, che hanno compilato un questionario dal quale è emerso che 5 di loro sono interessati in prima persona dai Disturbi specifici dell’apprendimento. A seguito dello screening, sono stati contattati e informati in merito ai loro diritti (stabiliti dalla legge 170/2010) e alle possibilità offerte in termini di risorse e sostegno presenti sia in Ateneo che nel nostro territorio.

Le giornate di formazione per i docenti, invece, hanno avuto come obiettivo quello di fornire alcune nozioni di base sui disturbi che caratterizzano i DSA (disturbi specifici dell’apprendimento, dislessia, disortografia, discalculia), fornendo indicazioni pratiche di intervento e presentando i risultati delle rilevazioni sulle frustrazioni vissute dallo studente all’interno del contesto scolastico.

Dal progetto, è emersa una volontà generale del corpo docente di supportare gli studenti nel rispetto delle necessità specifiche di ciascuno, il desiderio di approfondire ed affinare metodologie e strumenti relativi ai disturbi di apprendimento. Ha collaborato l’Associazione Studenti Agraria (ASA), che ha sostenuto il progetto favorendo la sensibilizzazione ai temi proposti tra gli studenti del Dipartimento.

Condividi questo articolo: