Cellule tumorali, ricercatrice sassarese nel team che ha scoperto il grafene “intelligente”

0
2
Lucia Gemma Delogu, biochimico e ricercatrice del Dipartimento di Chimica e Farmacia dell'Università di Sassari

Uccidere selettivamente le cellule tumorali senza danneggiare quelle sane è possibile. Tra gli studi che negli ultimi anni stanno cercando di trovare una soluzione alla carica aggressiva della chemio e della radioterapia, ce n’è anche uno dell’Università degli Studi di Sassari, recentemente pubblicato nella rivista scientifica “Angewandte Chemie”. Senior author è Lucia Gemma Delogu, biochimico e ricercatrice del Dipartimento di Chimica e Farmacia dell’Ateneo, che ha coordinato una squadra interdisciplinare e internazionale composta tra gli altri da Ester Vazquez dell’Università di Castilla La Mancha, Alberto Bianco del CNRS di Strasburgo e Maurizio Prato dell’Università di Trieste.

“Abbiamo scoperto che un particolare tipo di grafene – un nanomateriale che ha straordinarie caratteristiche fisiche e chimiche – è in grado di eliminare in modo selettivo i monociti (cellule del sangue). Questa proprietà biologica ci ha spinto a credere che questo materiale fosse in grado di uccidere selettivamente le cellule tumorali di pazienti con leucemia mielomonocitica”, spiega Lucia Delogu. In pratica nelle leucemie mielomonocitiche le cellule da uccidere sono proprio i monociti, quindi è importante trovare un farmaco che possa uccidere solo quelli dato che nel corso del tumore tutti i monociti sono tumorali. “Dal confronto con le terapie di uso comune, questo particolare tipo di grafene vien fuori vincente”. Infatti, i chemioterapici attuali sono tossici, quindi nel distruggere le cellule tumorali, distruggono anche le cellule sane del sangue con evidenti effetti collaterali per il paziente. “Il grafene da noi individuato invece è estremamente specifico solo per le cellule tumorali e non tossico per le cellule sane presenti nel sangue e dell’organismo in generale” dichiara Lucia Delogu.

La ricerca è stata effettuata in stretta collaborazione con Claudio Fozza, oncoematologo e ricercatore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Sassari, che sottolinea: “Il nostro lavoro potrebbe essere un passo importante nel campo della ricerca contro le leucemie e potrebbe aprire interessanti scenari per la messa a punto di nuove terapie. Naturalmente, pur essendo altamente promettenti, i risultati fino ad ora ottenuti in laboratorio dovranno essere confermati in vivo”.

Angewandte Chemie è considerata la rivista di Chimica più importante attualmente presente nel panorama scientifico internazionale.

Condividi questo articolo: